Le pietre dell'Ariete

Diaspro ed Ematite
21 marzo - 20 aprile

Molta immaginazione occorre per vedere un ariete nell'asterismo che porta tale nome ma,  per le civiltà pastorali questo asterismo era molto importante perchè era stimolo e augurio di prosperità per il ridestarsi della natura dopo il letargo invernale. Si  dice che il suo nome fosse anche "crisomallo" cioè vello d'oro come se fosse associato alla spedizione degli Argonauti. A parte i miti è importante ricordare che anticamente il punto Equinoziale di primavera cadeva in questa costellazione; oggi invece, per la precessione degli equinozi, il punto cade nella costellazione dei Pesci.
All’Ariete, segno di fuoco e segno positivo per eccellenza, segnando il passaggio dal freddo e dall’ombra dell’inverno al caldo e alla luce della primavera, si addicono le pietre di colore rosso come il DIASPRO e l’EMATITE.

Diaspro Burattato Formula: SiO2

Classe: Ossidi

Durezza: 7

Colore: Prevalentemente rosso

Diaspro Grezzo

 

Il DIASPRO è una varietà microcristallina di quarzo; si presenta generalmente di colore rosso ma sono molto frequenti i diaspri che presentano striature o chiazze di altro colore per la presenza di sostanze estranee.

I primi ad usare il diaspro, nelle sue diverse varietà, sono stati gli Ittiti e, successivamente, gli Egiziani, i Fenici, gli Etruschi e i Cinesi l’ annoveravano fra le pietre YU, cioè pietre sacre.

La varietà di colore verde è molto usata dai massaggiatori e dai pranoterapeuti perché aiuta a trasmettere forza ed energia.

Particolare varietà di diaspro è l’ELIOTROPIO di colore verde scuro con chiazze rossastre dovute alla presenza di idrossido di ferro. Il suo nome deriva da due termini greci: elios (sole) e tropos (direzione) e si riferisce ad una strana caratteristica della gemma che, se immersa nell’acqua, cattura i raggi del sole e risplende di bagliori rossastri.

Molto diverse sono le nostre conoscenze scientifiche: i diaspri si formano in bacini sedimentari per precipitazione della silice, ma possono anche avere una origine organica in seguito all’accumulo di radiolari o spugne.
I giacimenti più antichi, secondo Plinio il Vecchio, si trovavano in Etiopia, a Cipro e in India; oggi i giacimenti più importanti sono in Brasile, in Australia e in India. In Italia il diaspro si trova in Tirolo, in Toscana e in Liguria.


Si pensa che il diaspro possa essere un riequilibratore circolatorio agendo sul ferro dell’emoglobina.

Altra pietra del segno è l’EMATITE

Ematite.jpg    Formula: Fe2O3

   Classe: Ossidi

   Durezza: 6,5

   Colore: Da nero a rosso

L’Ematite è uno dei principali minerali di ferro ed è stato usato da sempre per estrarre questo metallo così importante nella storia dell’umanità.

Il filosofo Teofrasto lo paragonava al sangue solidificato: il suo nome in greco è "haima" che significa appunto sangue. .Esternamente ha un aspetto metallico, scuro con riflessi sericei, quasi argentati, ma internamente è di colore rosso cupo


Torna alle Pietre dello Zodiaco   Il segno del Toro